|

venerdì 6 novembre 2015

Alterazioni microvascolari e elasticità della pelle

Due biomarker di sclerosi sistemica

late_patternIl danno vascolare e il processo fibrotico rappresentano le caratteristiche fisiopatologiche della sclerosi sistemica (SSc). La microangiopatia periferica può essere presto rilevata in modo non invasivo tramite videocapillaroscopia ungueale (NVC), mentre studi recenti suggeriscono che in tempo reale l'elastosonografia a ultrasuoni (US-RTE) può essere un utile strumento per valutare la riduzione di elasticità della pelle.
Per indagare le possibili correlazioni tra alterazioni microvascolari NVC e rigidità dei tessuti 20 soggetti (16 donne e 4 uomini) che hanno risposto ai criteri ACR per SSC sono stati reclutati.
Tutti i soggetti sono stati sottoposti all'esame clinico completo, NVC e alla valutazione di US-RTE. US-RTE è stata effettuata su entrambe le mani, a livello della superficie palmare della falange distale delle dita.
10 soggetti hanno mostrato malattia limitata (LSS) e 10 hanno mostrato malattia diffusa. Otto pazienti avevano pattern sclerodermico "early/active" alla NVC e 12 avevano pattern "late", grave.

I soggetti con malattia diffusa hanno mostrato più alti valori di rigidità della pelle rispetto agli altri pazienti (p = 0.03) e rispetto a soggetti sani (p = 0,002).

L'analisi di regressione multipla dimostra un'associazione indipendente tra pattern grave alla NVC e rigidità della pelle.
Questo studio dimostra, per la prima volta, una forte relazione tra le alterazioni microvascolari e la rigidità della pelle nei pazienti SSc.

Author:Grembiale RD, Bruno C, Tripolino C, Ursini F, Calabria M, Naty S, Gutierrez M, Mazzuca S.

Source:Clin Hemorheol Microcirc. 2015 Jul 3